Skip to content

Restauro del legno

ll restauro del legno è un’attività legata alla manutenzione, al recupero, al ripristino e alla conservazione di manufatti storici, quali ad esempio un portone, un portone o un dipinto. Il termine, ha nel tempo acquisito vari significati spesso in aperta contraddizione, in relazione alla cultura del periodo e al rapporto di questa con la storia, cosa da rendere impossibile una definizione univoca. Il significato attribuito ai termini “restauro” e “conservazione” varia notevolmente a seconda degli autori, tanto da trovarli a volte come termini di una alternativa e a volte come intercambiabili.

 

restauro del legno

Come eseguire il restauro ligneo

Il restauro del legno si può suddividere in sverniciatura, riparazione, stuccatura e verniciatura finale.

Restaurare un mobile antico o un portone in legno è un lavoro molto difficile, dove il fai da te non è consigliato. Occorre valutare con attenzione lo stato di conservazione del manufatto, per poi intervenire in modo opportuno utilizzando tecniche e prodotti idonei.

Un bravo restauratore del legno esegue l’intervento rigorosamente a mano, senza l’utilizzo di macchinari che possono danneggiare il legno.

La prima operazione consiste dunque nella sverniciatura. Bisogna individuare che tipologia di prodotto è stato utilizzato per trattare l’oggetto su cui si eseguirà il restauro.

Se il mobile antico o portone è stato trattato con cere occorre utilizzare un decerante, se invece è stata usata una vernice classica servirà uno sverniciatore in gel.

Una volta eseguita la sverniciatura, si dovrà valutare se sono presenti zone danneggiate che nesessitano interventi di falegnameria. Se è il vostro caso bisognerà ripararle se possibile con l’essenza originale del legno del vostro oggetto.

Fatto questo si procederà con la stuccatura, utilizzando uno stucco specifico per legno cromaticamente uguale o simile all’essenza del legno, individuando piccoli fori e spaccature.

Quando lo stucco sarà ben asciutto si potrà seppiare le zone trattate, e in seguito si pulirà la superficie eliminando residui di polvere ed eventuali tracce del prodotto utilizzato per sverniciare.

Infine si eseguirà la verniciatura che può essere effettuata con varie tecniche di finitura.

Materiali utilizzati per il restauro del legno

E’ possibile verniciare tramite l’utilizzo della gommalacca, oli naturali o impregnanti.

La gommalacca e l’olio sono materiali naturali che permettono una finitura dura, lucida ed elegante e allo stesso tempo proteggono il legno.

Se si intende utilizzare la gommalacca o l’olio occorre avere una buona esperienza e bisogna affidarsi a professionisti per ottenere una buona finitura e per non rovinare tutto il lavoro svolto in precedenza.

Mentre l’impregnante può essere utilizzato anche da una mano non esperta. Permette di far respirare il legno e lo proteggette dagli agenti atmosferici.

In conclusione queste sono le principali lavorazioni per poter restaurare mobili, portoni o qualsiasi altro oggetto in legno.

Certo che, come già detto in precedenza, se non vengono eseguite da un professionista si rischia solo di rovinarlo e sprecare tempo e denaro.

Per cui se vuoi affidarti ad un restauratore a Torino puoi contattarci. Effettueremo un sopralluogo e un preventivo gratuito.

Siamo altamente specializzati nell’utilizzo di differenti tecniche a seconda del legno e della collocazione storica del manufatto da restaurare.

Questi sono i nostri principali servizi di restauro del legno:

Inoltre eseguiamo la fornitura, verniciatura e lucidatura con successivo montaggio di ottoni, in particolare maniglie, citofoni e lamine per zoccolature di porte e portoni.

L’intervento di ripristino e verniciatura degli ottoni è eseguito nell’arco delle 24 ore in modo da non arrecare disagio ( soprattutto per le plafoniere citofoniche )

Per qualsiasi informazione o per un eventuale preventivo gratuito clicca qui.